Ruggero Pasquarelli: Girerò altre 40 puntate di Violetta 2, Intervista!

closeQuesto articolo è stato pubblicato 5 anni 8 giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Leggi l’intervista fatta da sorrisi a Ruggero Pasquarelli 

ruggero-pasquarelli-londra

La serie «Violetta» è amatissima anche in Italia (e i dvd stanno per arrivare in edicola con Sorrisi dal 12 febbraio, clicca qui per l’articolo). Uno degli interpreti della prima stagione è Ruggero Pasquarelli, 19enne nato sul palco di «X Factor 4» e poi diventato uno dei volti di Disney Channel. È stato infatti grazie al ruolo nella sitcom «In Tour» che gli hanno offerto di interpretare Federico, un ragazzo che come lui canta e balla.

Ruggero a Londra-foto1

Ruggero a Londra

Nelle puntate di adesso è uscito di scena, ma il suo personaggio tornerà. Intanto ci siamo fatti raccontare com’è recitare, per di più in spagnolo, in una produzione internazionale. «Andare in Argentina, il Paese di Maradona, per me che sono di origini napoletane è stato un onore. Quando me l’hanno proposto ho accettato senza neanche sapere di cosa si trattasse. Sono partito a marzo del 2012 e ci sono rimasto un mese e mezzo». 

Come te la sei cavata con la lingua?
«All’inizio diciamo che zoppicavo. Avevo studiato spagnolo per un mesetto, ma già dopo una settimana riuscivo a pronunciare frasi di senso compiuto».

Ti hanno messo subito al lavoro?
«La prima settimana, tra un documento da firmare e l’altro, ho registrato tutti i brani che dovevo cantare nella telenovela. Anche se non sapevo il significato delle parole, cercavo di interpretarle con il cuore, in base alle indicazioni che ricevevo».

La soddisfazione più grande?
«Dopo la prima scena che ho girato sul set si è avvicinato uno dei produttori per dirmi che avrebbero lasciato la mia voce originale, senza doppiarmi».

Ruggero-hires-0415

Ruggero a Londra-foto2

La tua giornata tipo?
«Noi ragazzi del cast abitavamo tutti assieme in una palazzina a Buenos Aires. Ci svegliavamo alle 7. Alle 8 arrivava un pulmino che impiegava un’ora e mezzo per portarci negli studi. Poi ci truccavano e pettinavano e alle 10 iniziavamo a girare. Dopo un’ora di pausa per il pranzo, lavoravamo fino alle 20. Alle 20.30 salivamo di nuovo sul pullman diretti verso casa, dove cenavamo. Poi studiavo la parte per il giorno seguente fino all’una di notte».

Una faticaccia…
«Sì, ma ci siamo divertiti un sacco. Durante le pause ci mettevamo a cantare, suonare e ballare. Amando tutti la musica, sia i ragazzi del cast sia quelli della troupe, si creava un clima meraviglioso».

I copioni erano rigidi o ci mettevate del vostro?
«Potevamo personalizzarli un po’ aggiungendo qualche nostra frase, ma senza inventare troppo».

E i costumi?
«Decideva la produzione. Però se i vestiti che ci proponevano non ci piacevano, potevamo chiedere di cambiarli».

Raccontaci meglio com’erano gli studi. Giravate anche in esterna?
«In un capannone sono stati ricreati tutti gli ambienti: la casa di Violetta, la cucina, le camere. Forse perché c’era un budget superiore rispetto alle produzioni italiane, era tutto più curato. Per le scene in esterna, invece, andavamo in un parco comunale».

Ruggero-hires-0535

Ruggero a Londra

Com’è stato doppiarti nella versione italiana?
«Fantastico ma difficilissimo, perché dovevo recitare meglio di come avessi fatto nella realtà».

Qual è stata la cosa più difficile?
«Stare lontano dai miei e dagli amici».

Ma ne è valsa la pena, visto che il tuo personaggio è stato confermato.
«Sì, a marzo tornerò in Argentina per girare la seconda stagione: apparirò in 40 episodi su 80. Federico diventerà un personaggio più importante, ma non posso svelare niente. So solo che resterò laggiù per tre mesi. Anzi, forse di più, perché poi partirà il “Live Show di Violetta”, che girerà tutto il Sudamerica. Insomma, mi sa che l’estate la passerò lì. Ma pazienza, in fondo sono molto felice di rivedere Buenos Aires: questa volta sarà un po’ come tornare a casa».

Fonte: www.sorrisi.com

Ti piace questo articolo? Condividilo!

10 risposte a Ruggero Pasquarelli: Girerò altre 40 puntate di Violetta 2, Intervista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Sondaggio della settimana

Questo sito cambierà, di cosa vorresti che ci occupassimo?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
Video